Toto’ A Livella

Toto' A Livella

Toto’ A Livella, la poesia più famosa del Charlie Chaplin italiano

Nel mese di Novembre abbiamo deciso di dedicare il nostro blog alla commemorazione dei defunti, per celebrare insieme il mese dei morti. Oggi per questo vogliamo riflettere su una delle poesie più amate di Toto’, che affronta con ironia e delicatezza al tempo stesso lo spinoso tema della morte.

‘A livella

La celeberrima poesia di Antonio de Curtis, in arte Toto’, vuole esprimere e sottolineare che di fronte alla morte siamo tutti uguali. Composta a metà degli anni ’60, questo pezzo affronta con ironia e leggerezza persino un tema così arduo come la morte. L’intento dell’artista è quello di ricordare quanto siano futili le posizioni e il potere a cui aspiriamo tanto in vita: quando poi è il momento di salutare torniamo tutti uguali, tutti esseri umani. 

Ricchi e poveri, operai e nobili, uomini e donne: la morte ci rimette tutti sullo stesso piano. 

Come nasce questa poesia?

Tutti conoscono Toto’ come il principe della risata, ma allora come è nata una poesia come quella di cui parliamo oggi? Toto’ inizia a buttare giù i primi versi del pezzo durante le riprese dei suoi film. Le prime righe le annota su un pacchetto di sigarette, e solo successivamente sul suo fedele taccuino. 

L’ispirazione

Sembra che a ispirare i versi sia stato un episodio legato alla giovinezza dell’artista nella sua città di origine, Napoli. Toto’ viveva nel Rione Sanità da bambino, e spesso si trovava a giocare a nascondino o mosca cieca nelle Catacombe di San Gaudioso. Il suo mondo ruotava attorno a quel luogo di culto: nella chiesa poco distante, per esempio, ogni domenica faceva da chierichetto. Ed è proprio in queste catacombe che trova qualcosa che lo scuote e lo ispira: un affresco di Giovanni Balducci. Nell’immagine si poteva distinguere bene uno scheletro, che sta a simboleggiare quanto i beni materiali e terreni siano poco durevoli. Perdono tutto il loro potere e il loro significato di fronte la morte. Quest’ultima quindi funge da livella per l’appunto, che appiana disuguaglianze e dislivelli per renderci tutti uguali.

 Toto’ A livella: Significato

Nei versi Toto’ veste gli umili panni di Gennaro, un netturbino che dà una bella lezione al Marchese. Gli fa capire infatti quanto i suoi soldi e i suoi titoli nobiliari siano nulla, in confronto alla morte. Gennaro zittisce il Marchese, non con senso di superiorità o cattiveria, ma per invitarlo a riflettere su come sia ironico il comportamento della morte. Questa, come una livella in mano a un muratore, elimina ogni tipo di dislivello tra gli esseri umani, mettendoli tutti sullo stesso piano.

Toto’ A Livella: la poesia

‘A Livella
La livella è le escroveto che l’usa il muratore per nivelari il muro, dunque
Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
Per i defunti andare al Cimitero

Ognuno ll’adda fà chesta crianza
Ognuno adda tené chistu penziero
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno
Di questa triste e mesta ricorrenza

Anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
Il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza
St’anno m’é capitato ‘navventura
Dopo di aver compiuto il triste omaggio
Madonna, si ce penzo, e che paura!

Toto' A Livella

Ma po’ facette un’anema e curaggio
‘O fatto è chisto, statemi a sentire
S’avvicinava ll’ora d’à chiusura
Io, tomo tomo, stavo per uscire
Buttando un occhio a qualche sepoltura

 

“Qui dorme in pace il nobile marchese
Signore di Rovigo e di Belluno
Ardimentoso eroe di mille imprese
Morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto
Sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine
Tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto
Cannele, cannelotte e sei lumine

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
Nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella
Abbandunata, senza manco un fiore
Pe’ segno, sulamente ‘na crucella

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”
Guardannola, che ppena me faceva
Stu muorto senza manco nu lumino

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo
Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente
Stu povero maronna s’aspettava
Ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero
S’era ggià fatta quase mezanotte
E i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero
Muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese
C’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano
Chill’ato apriesso a isso un brutto arnese
Tutto fetente e cu ‘nascopa mmano

E chillo certamente è don Gennaro
‘Omuorto puveriello’ o scupatore
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro
So’ muorte e se ritirano a chest’ora?

 
Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo
Quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto
S’avota e tomo, tomo, calmo, calmo
Dicette a don Gennaro: “Giovanotto!”

Da Voi vorrei saper, vile carogna
Con quale ardire e come avete osato
Di farvi seppellir, per mia vergogna
Accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
Ma Voi perdeste il senso e la misura
La Vostra salma andava, si, inumata
Ma seppellita nella spazzatura

Ancora oltre sopportar non posso
La Vostra vicinanza puzzolente
Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
Tra i vostri pari, tra la vostra gente

“Signor Marchese, nun è colpa mia
I’nun v’avesse fatto chistu tuorto
Mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria
I’ che putevo fa’ si ero muorto?
Si fosse vivo ve farrei cuntento

Pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
E proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
Mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”

 
“E cosa aspetti, oh turpe malcreato
Che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
Avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé.-piglia sta violenza
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘E te senti; e si perdo ‘a pacienza
Mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!
Ma chi te cride d’essere, nu ddio?

Ccà dinto,’o vvuo capi, ca simmo eguale?
Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
Ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”
“Lurido porco! Come ti permetti
Paragonarti a me ch’ebbi natali
Illustri, nobilissimi e perfetti
Da fare invidia a Principi Reali?”

“Tu qua’ Natale, Pasca e Ppifania
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo’ int’a cervella
Che staje malato ancora è fantasia?
‘A morte ‘o ssaje ched”e? è una livella.
‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo
Trasenno stu canciello ha fatt’o punto
C’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme
Tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?
 
Perciò, stamme a ssenti, nun fa”o restivo
Suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive
Nuje simmo serie, appartenimmo à morte!”
 

Logistica Funeraria celebra il mese dei morti

La nostra agenzia funebre mette i propri clienti al centro di tutto. In questo mese di ricordi e commemorazioni vogliamo esservi vicino, per aiutarvi a onorare il ricordo dei vostri cari, e darvi tutto il supporto necessario per farvelo affrontare al meglio. 

Perché se la morte ci rende tutti uguali, sono i ricordi che abbiamo costruito in vita a distinguerci dagli altri.

Via Segesta, 12 – 00179 Roma (IT)
Telefono: 06 77 0003
Mail: info@logisticafuneraria.it

Torna su