GALATEO DEL FUNERALE: Come comportarsi

galateo del funerale

Parlare di regole funerarie è eccessivo, esistono però degli accorgimenti da seguire per non cadere vittima degli errori comuni che difficilmente si prendono in considerazione.

Molti di noi hanno ancora dubbi su come comportarsi o più banalmente come vestirsi in questa triste occasione. Andiamo a vedere i dubbi più grandi che molti si pongono e quali sarebbero le soluzioni da mettere in pratica.

Sia chiaro, sono solamente dei consigli per fare in modo di rispettare nel miglior modo possibile la famiglia del defunto, l’ultima cosa che si aspetta è non sentirsi rispettati in questo momento difficile.

 

Come vestirsi ad un funerale

 

Il passato ci ha abituati a pensare che durante un funerale è giusto vestirsi di nero. In realtà questa abitudine è ormai passata. Il colore nero è infatti usato prettamente dalla famiglia del defunto e dai suoi parenti stretti. Ma non è comunque un divieto assoluto.

 

Sono consigliati colori neutri, come il blu, i grigio o il marrone. Mentre sono da evitare cravatte fantasiose, abbigliamento sportivo o jeans strappati, con borchie o abbigliamento considerato “stravagante”.

I colori vivaci e sgargianti sono, per ovvi motivi, sconsigliati. Come le gonne troppo corte, l’assenza di collant, le spalle scoperte o un vestito troppo scollato.
Un tailleur con una camicia bianca o un vestito che rispetti le regole precedenti sono l’abbigliamento corretto per le donne.

Gli occhiali scuri sono assolutamente da evitare, solamente i familiari possono indossarli in modo tale da poter vivere con discrezione il proprio dolore.

 

Etichetta del funerale

 

In fin dei conti non importa molto il vestito, c’è chi pensa che sia più corretto vestirsi più elegante possibile chi invece preferisce essere sobrio.
L’etichetta importante da seguire riguarda soprattutto il comportamento da mantenere durante il triste avvenimento.

Il funerale è l’unico evento al quale si può partecipare senza essere invitati. Di solito i partecipanti sono tutte persone in qualche modo legate al defunto, essere presenti in questo momento, è segno di stima e rispetto.

Per questo è cosa buona e giusta non arrivare in ritardo. La puntualità è sinonimo di rispetto per la famiglia. Più si è legati, più è necessario seguire questa regola davvero importante.

 

I cellulari devono essere rigorosamente spenti o in modalità silenzioso o vibrazione. Ultimamente non riusciamo a vivere senza smartphone tra le mani, almeno in questo momento dobbiamo sforzarci di essere più collegati con il mondo reale ed allontanarsi per qualche ora dal mondo virtuale.

Inutile dire che è davvero di cattivo gusto fare video o fotografie durante la celebrazione, anche se in questo periodo è utile specificarlo.

 

Non vociferare durante la commemorazione. Mai come in questo momento il silenzio è ben accetto, soprattutto dalla famiglia.

 

Terminata la celebrazione, attendere che il personale delle onoranze funebri porti fuori il defunto, il quale verrà seguito subito dopo dalla famiglia, successivamente ci si può recare verso l’uscita.
Nel momento in cui la salva viene posta sul carro funebre è possibile cogliere l’occasione per porgere le condoglianze alla famiglia del defunto.

Non è necessario accompagnare il defunto al cimitero, a meno che non si è parenti stretti o si appartenga alla famiglia della salma.

Cosa dire ad un funerale

 

Non esistono frasi giuste da dire, l’importante è che provengano dal cuore.

Frasi come “So esattamente cosa provi”  o “Ha finalmente smesso di soffrire” sono assolutamente da evitare.
Per quanto effettivamente si possa capire cosa si prova in quel momento, il famigliare è l’ultima cosa che vuole sentire. Il dolore è personale, e sentire che qualcun altro ha sofferto non è importante in quel momento, si pensa solo al proprio dolore ed è naturale che sia così.

Inoltre, anche se il defunto negli ultimi periodi stava soffrendo, non è una frase consolatoria per i famigliari, rimane sempre il fatto che hanno appena perso un loro caro affetto.

Se non si sa cosa dire, anche un semplice abbraccio andrà benissimo. Nessuno darà un voto alle vostre parole.

Per quanto riguarda le condoglianze sui social, ora che la tecnologia è entrata a far parte della nostra vita quotidiana, sono assolutamente da evitare, a meno che il famigliare del defunto non voglia condividere un post o una foto, in quel caso è possibile esprimere il proprio affetto anche sui social.

Nonostante tutto, è preferibile fare le condoglianze di persona, se proprio non è possibile essere presenti o chiamare il famigliare, mandare un telegramma o una lettera è sempre la via migliore.

 

Ricordiamo che partecipare al funerale non è obbligatorio, la regola principale, e anche quella più semplice, è rispettare il momento doloroso che sta vivendo la famiglia del defunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su