Estumulazione

estumulazione

Estumulazione: che cos’è e cosa c’è da sapere?

Insieme alla esumazione rientra nelle pratiche di dissepoltura: l’estumulazione però si differenzia da quest’ultima per la procedura della locazione della salma. Di solito questa pratica avviene allo scadere della concessione del loculo, per spostare la salma in un’altra locazione. Tuttavia possono esserci altri motivi che permettono di avviare la procedura in anticipo sullo scadere dei termini.

In ogni caso bisogna conoscere i tempi, le norme e le modalità che regolano l’estumulazione. Scopriamoli insieme grazie all’aiuto di Logistica Funeraria, la tua agenzia funebre di fiducia!

Che cos’è l’estumulazione?

Prima di entrare nel vivo facciamo chiarezza, distinguendo estumulazione ed esumazione:

  • Esumazione: dissepoltura che si esegue in caso di sepoltura a terra;
  • Estumulazione: dissepoltura di una salma dal loculo.

Come ti abbiamo già spiegato appunto l’estumulazione è la dissepoltura di una salma da un loculo, per via della scadenza dei termini di permanenza in loco, o per altri motivi straordinari (che vedremo di seguito).

estumulazione

Le norme

Non esiste un vero e proprio arco temporale specifico, durante l’anno, in cui si può effettuare l’estumulazione. Tuttavia, per motivi di igiene e sanitari, sarebbe meglio eseguirla nei mesi successivi a ottobre, fino ad aprile. Si segue questa norma per evitare che il caldo rovini la salma, per cui in alcune zone particolarmente fredde potrebbe non esser necessaria tale premura.

Tutte le estumulazioni sono gestite dagli uffici del Comune in cui si trova il feretro.

Secondo la legge possiamo distinguere due tipologie di estumulazioni: quella ordinaria (che avviene allo scadere del limite massimo di tempo previsto) e quella straordinaria (possono farne richiesta i familiari del defunto). Vediamo quali sono le differenze! 

Estumulazione ordinaria e straordinaria

  • L’estumulazione ordinaria si verifica quanto il tempo di concessione del loculo scade. Si disseppellisce la salma quindi per far posto a qualcun altro. Si esegue prima di 10 anni nel caso di un loculo aerato, e prima di 20 anni nel caso di un loculo stagno. Prima di procedere il Comune deve comunicarne l’intenzione ai familiari della salma con almeno 90 giorni di anticipo. Se i parenti se ne disinteressano sarà l’amministrazione comunale a occuparsi della traslazione, a sue spese. Questa pratica non si esegue nel caso in cui la salma è sepolta in un loculo privato di famiglia.
  • L’estumulazione straordinaria invece avviene quando i familiari del defunto chiedono il trasferimento della salma, anche per cremarla, prima dei termini di scadenza della permanenza. In queste circostanze è necessario mandare apposita richiesta al Comune, pagando delle apposite tariffe, che concederà la traslazione o meno. Solitamente si procede con l’estumulazione in presenza del personale sanitario dell’ASL, specie se il defunto è deceduto a causa di malattie infettive.

Quanto costa?

Di qualsiasi tipologia sia la pratica (ordinaria o straordinaria) tutti i costi legati a essa sono a carico dei familiari del defunto. I costi della estumulazione possono variare, anche in base alle disposizioni comunali e le tariffe cimiteriali.

In ogni caso per farsi un’idea della spesa da affrontare devi tenere a mente questi costi:

  • La tassa di estumulazione;
  • L’assistenza fornita dal personale cimiteriale;
  • I costi della rimozione della lapide;
  • La tassa relativa alla raccolta dei resti mortali (non dovuta se si opta per la cremazione).

Estumulazione di Logistica Funeraria

Noi di Logistica Funeraria ci occupiamo anche di tutto ciò che riguarda l’estumulazione.

Se vuoi saperne di più su questo servizio contattaci.

Logistica Funeraria – Via Segesta, 12 – 00179 Roma (IT)
Telefono: 06 77 0003
Mail: info@logisticafuneraria.it

Seguici anche sui Social!

Instagram: @logistica_funeraria_
Facebook: Logistica Funeraria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su